I principali disturbi del ciclo mestruale

Il ciclo mestruale dura 28 giorni in media ed è regolato dall’ipofisi. Il primo ciclo mestruale arriva orientativamente intorno ai 13 anni di età della ragazza e prosegue all’incirca fino ai 50 anni.
Durante il periodo del ciclo, spesso alcune donne in età giovane ravvisano forti dolori di diversa natura che possono verificarsi anche contemporaneamente. In genere il disturbo più frequente è quello di crampi persistenti nella zona del basso addome, con dolori intensi, oltre ad altri disturbi quali vomito o nausea, diarrea o difficoltà a defecare,
stanchezza generale, alcuni disturbi della personalità lombalgia, dolori intensi nella zona mammaria, svenimenti e capogiri.
dolori-mestruali

Secondo alcuni dati statistici, all’incirca il 60 per cento delle donne soffre di disturbi durante le mestruazioni, in alcuni casi tanto dolorosi da non riuscire a compiere l’attività lavorativa, o altri tipi di attività.

In ambiente medico i dolori mestruali vengono indicati come dismenorrea, che può essere di diverse tipologie: dismenorrea primaria e dismenorrea secondaria.

Dismenorrea primaria

Nella dismenorrea primaria, detta anche “intrinseca, essenziale o idiopatica”, i dolori non sono dovuti a vere e proprie patologie e non sono riconducibili a cause organiche. Questo tipo di dismenorrea è più frequente dopo il menarca, e dura in

genere fino al primo figlio, dopo di che il dolore accompagnato alle mestruazioni tende a diminuire sensibilmente o in alcuni casi addirittura a scomparire. Nella dismenorrea primaria i dolori compaiono insieme alle mestruazioni e durano all’incirca un paio di giorni durante il ciclo.

Dismenorrea secondaria

La dismenorrea secondaria è molto più grave della dismenorrea primaria, poiché è una conseguenza diretta di alcune patologie ed è riconducibile a cause organiche. I dolori iniziano già alcuni giorni prima delle mestruazioni e durano per tutta la durata, in alcuni casi anche durante la fase follicolare.

Spesso è conseguenza di patologie gravi quali l’endometriosi, la stenosi della cervice uterina e alcune forme di neoplasie.